Pronto, sono qui! Promuovere il volontariato professionale nelle emergenze

In un tempo in cui si vive spesso nell’emergenza, sia in larga scala (grandi emergenze, calamità naturali, paura diffusa di azioni terroristiche, sradicamento di masse di migranti)  che in piccola scala (ad esempio lutti o incidenti d’auto), diventa importante fermarsi a riflettere su come le professioni di aiuto e il mondo del volontariato, ed in particolar modo quello dell’intervento psicologico, possano essere pronti ad affrontare, ascoltare, sostenere le persone che si confrontano con perdite improvvise e rilevanti (di persone care, lavoro, autonomia, salute, sicurezza, stabilità, fiducia nel futuro) aiutandole a sentirsi comprese e ad affrontare le catastrofi che le hanno travolte.

“Pronto, sono qui! Promuovere il volontariato professionale nelle emergenze” è un progetto curato dall’associazione di volontariato SIPEM Social Support FVG per riflettere sugli aspetti etici, teorici e metodologici dell’intervento psicologico nelle emergenze, al fine di promuovere una cultura del volontariato competente e responsabile.
Il progetto è sviluppato in partnership con la Comunità di San Martino al Campo, la Fondazione Luchetta Ota D’Angelo Hrovatin onlus e il Dipartimento di Scienze della Vita dell’Università degli Studi di Trieste, con il  contributo del CSV FVG – Centro Servizi Volontariato Regione FVG e con il patrocinio dell’ASUITS – Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste.

Il progetto si articola in tre azioni principali:  una tavola rotonda aperta a tutte le persone interessate, ad ingresso libero e gratuito, sull’etica e la pratica del volontariato professionale in psicologia; due giornate di lavori su temi rilevanti della psicologia dell’emergenza aperte a studenti di psicologia, psicologi e persone interessate a svolgere attività di volontariato nell’ambito delle emergenze e con migranti e/o vittime di traumi; due mattine di supervisioni per progetti di volontariato in rete (sabato 11 marzo e sabato 8 aprile mattina, riservate ai soci).

Giovedì 9 marzo ore 17:00-19:00

Tavola Rotonda: Equilibristi tra costo e valore: etica del volontariato professionale in psicologia

Spazio Villas A, Via de Pastrovich, 5  –  Comprensorio di San Giovanni, Trieste

Evento ad ingresso libero e gratuito.

Una riflessione su ambiti e modalità di intervento dello psicologo volontario, tra tutela della professione e etica del volontariato.

Partecipano:

Prof. Walter Gerbino, Presidente del Comitato Etico dell’Università degli Studi di Trieste

dott. Giovanni Berna psicologo del Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Trieste

dott. Giandomenico Bagatin, consigliere dell’ordine degli Psicologi FVG

dott. Luca Pezzullo, psicologo esperto di psicologia dell’Emergenza
Venerdì 10 marzo, 9:30-18:30

La Catastrofe dentro. Interventi psicologici nelle grandi emergenze.

dott. Luca Pezzullo, psicologo esperto di emergenze

presso: Università degli studi di trieste (Edificio H3, aula 3A)

Evento ad ingresso gratuito, su prenotazione fino ad esaurimento posti disponibili.
Mattino (9:30-13:30):

– Rischio ed emergenza

– Introduzione alla psicologia dell’emergenza: storia, contesti, modelli

Pomeriggio (14:30-18:30):

– Psicologia sociale dell’emergenza (dinamiche collettive, risk perception, risk communication)

– Psicologia clinica dell’emergenza (l’intervento di sostegno in situazioni di crisi)
Luca Pezzullo, psicologo, dottore di ricerca, direttore del CRDC dell’Institute of Constructivist Psychology, docente a contratto Università LUMSA e UNIPD. Già consulente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, della Presidenza del Consiglio dei Ministri/DPC e di Action contre le Faim. E’ stato uno dei coordinatori dei team nazionali di psicologia dell’emergenza nel terremoto de L’Aquila (2009), nelle alluvioni Venete (2010) e nel terremoto dell’Emilia (2012).
Venerdì 7 aprile (9:30-18:30)

Siamo qui, pronti. Incontrare e ascoltare il trauma in contesti interculturali.

dott.ssa Alice Visintin, psichiatra dell’Associazione F. Fanon (Torino)

presso: Università degli studi di trieste (Edificio H3, aula 3A)

Evento ad ingresso gratuito, su prenotazione fino ad esaurimento posti disponibili.
Le modifiche dei flussi migratori negli ultimi anni sono state determinate tanto dai nuovi scenari geopolitici quanto dalle politiche europee e nazionali e la gestione, prevalentemente di natura emergenziale, ha comportato l’allargamento degli operatori che a vario titolo si confrontano con queste tematiche e con persone richiedenti asilo, vittime di tratta o di migrazioni forzate, provenienti da percorsi segnati dalla violenza. Operatori e volontari con background formativi e culturali molteplici si trovano sprovvisti di strumenti utili alla lettura della situazione e ad orientare l’agire, con rischi tanto per gli utenti quanto per gli operatori e volontari stessi.
Durante la giornata si discuteranno alcuni concetti e dispositivi (trauma, disturbo post-traumatico, violenza diretta, violenza strutturale, cultura…) sia dal punto di vista teorico, utilizzando gli apporti dell’antropologia delle migrazioni, dell’antropologia medica critica e dell’etnopsichiatria, sia nella ricaduta concreta, a partire dalle esperienze dei partecipanti. La metodologia prevede l’alternanza di momenti di lezione frontale, con spazio per le domande e il dibattito, e di lavoro in piccoli gruppi al fine di permettere una partecipazione più attiva e la condivisione.
Alice Visintin, medico psichiatra, sin dalla tesi di laurea si è occupata del rapporto tra migrazione e salute. Membro dell’Associazione Frantz Fanon di Torino, ha maturato un’esperienza più che decennale in ambito etnopsichiatrico attraverso l’attività clinica al Centro Fanon – Servizio di psicoterapia, supporto psicosociale e counselling per gli immigrati, i rifugiati, e le vittime della tortura – e all’interno del progetto Sprar. Parallelamente ha approfondito lo studio dell’etnopsichiatria, dell’antropologia culturale e medica, dei fenomeni migratori. Attualmente lavora come medico psichiatra presso il Dip. di Salute Mentale dell’ASL To2.
INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI

FB SIPEM SoS FVG – Psicologia dell’emergenza

sipemfvg@gmail.com

Nessun commento a "Pronto, sono qui! Promuovere il volontariato professionale nelle emergenze"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico