PROGETTO COMILVA PER NON LASCIARLI SOLI – REPORT IL RAGIONEVOLE DUBBIO

Grande  risultato in termini di partecipazione e apprezzamento da parte del pubblico per  il  convegno Comilva Fvg Onlus svoltosi lo scorso sei dicembre a S. Vito al Tagliamento,  primo evento dell’ampio  percorso progettuale Per Non Lasciarli Soli  intrapreso da Comilva grazie ad un  bando regionale ( legge 23/2012) incentrato sul contrasto all’esclusione sociale . Il  convegno è iniziato con la   presentazione in anteprima nazionale   del documentario ‘il Ragionevole Dubbio’ della regista sanvitese Ambra fedrigo e a seguire gli interventi del Dott Eugenio Serravalle del Dott Maurizio Proietti  e del Dott. Chris Shaw in streaming dall’America.  L’evento è stato  presenziato dal Sindaco di S. Vito al Tagliamento Antonio di Bisceglie ,  dall’Assessore all’Ambiente Piero  Maronese e dal consigliere regionale Gino Gregoris. Vi sono state due proiezioni,  una al mattino dedicata alle famiglie danneggiate  ed una al pomeriggio dedicata alla cittadinanza. Erano presenti ben 36 le  famiglie danneggiate  e circa 200 partecipanti dirottati negli orari mattutini per esaurimento dei posti disponibili. Nel pomeriggio  è stata riempita  la sala (piu’ di 400 persone). Verso   le 13.00 è intervenuta  la Rai con la giornalista Lara Boccalon che ha intervistato Eugenio Serravalle, Claudio Simion ed il Presidente regionale Mauro Ottogalli,  il servizio è andato in onda  al telegiornale regionale  in seconda notizia. All’evento del pomeriggio erano presenti anche la  Dott.ssa Mariangela Milanese che ha appena festeggiato 90 anni, la dott.ssa Menegon MMG, la dott.ssa Paolina Padulosi, la Dott.ssa Ilaria Forte, il Dott Mansutti e la dott.ssa Moschetta, pediatra a Brugnera.

Una targa speciale è stata consegnata ai giovani protagonisti Enrico, Alessio, Lorelai ed Allegra. All’ingresso dell’Auditorium  anche un banchetto di AAM Terra Nuova con il numero speciale della rivista sulle vaccinazioni pediatriche  e la giornalista Claudia Benatti.

Il Presidente Mauro Ottogalli ha tenuto a sottolineare l’importanza di questo percorso illustrando un estratto del  progetto  “Per Non Lasciarli Soli: Percorso Di Sostegno Alle Famiglie Danneggiate a Rischio Di Esclusione Sociale”: 

“COMILVA FVG Onlus in sinergia e collaborazione con il COMILVA Nazionale e in rete con diverse ODV della regione si occupa di tematiche legate alla salute (bambini, adulti, anziani), dell’affermazione del diritto di libera scelta in materia di vaccinazioni e libertà di scelta terapeutica in senso lato.
Attualmente l’associazione segue gratuitamente 54 famiglie friulane in questo difficile percorso di giustizia sostenendo economicamente alcune tra le più bisognose ma la richiesta è in  drastico aumento e le risorse umane ed economiche molto ridotte. L’associazione con questo percorso progettuale intende fornire uno strumento concreto per assistere le famiglie  danneggiate dalle vaccinazioni, fornendo loro un supporto morale e materiale contrastando la marginalizzazione e l’esclusione sociale a cui vanno inevitabilmente incontro.

Molte delle famiglie seguite dal COMILVA FVG Onlus a causa del tipo di danno subito dal congiunto (nella quasi totalità figli minori con gravi sindromi neurologiche) vivono gravi situazioni di disagio sociale (emarginazione dal contesto sociale, isolamento, depressione), economico (data l’assenza del SSN che nega il nesso e quindi non riconosce la necessità di percorsi terapeutici, i costi per le cure efficaci sono alti ed i terapisti di riferimento sono spesso fuori regione), esclusione (soprattutto scolastica vista la gravità del disturbo e l’impreparazione delle strutture che dovrebbero accogliere e includere), esistenziale (gli allontanamenti di uno dei due genitori, per le difficoltà descritte e l’insostenibilità della situazione, sono molto frequenti ed irreversibili).

Obiettivo: Intraprendere e sviluppare  con importanti ODV regionali  un percorso progettuale in rete sostenibile e reiterabile per dare supporto morale e sostegno  economico alle famiglie con congiunti (soprattutto minori) danneggiati da vaccinazioni obbligatorie e raccomandate attraverso diverse azioni

  • convegno informativo rivolto alle famiglie con presentazione del documentario informativo e di testimonianze delle famiglie  Il Ragionevole Dubbio in fase di implementazione
  • 8 incontri informativi provinciali con volontari , medici e avvocati
  • Spettacolo di beneficenza  con fondi da destinare alle famiglie dei  bambini danneggiati
  • Supporto concreto svolto dai volontari Comilva alle  famiglie danneggiate  a rischio di esclusione sociale:
  • Preparazione della documentazione medica, clinica, scientifica, amministrativa affine alla presentazione della domanda di indennizzo ai sensi della Legge 28 febbraio 1992 n° 210 e successive.
  •  Accompagnamento nell’espletamento delle pratiche burocratiche e nelle visite fiscali del percorso di giustizia sopracitato.
  • Interfaccia tra le famiglie coinvolte ed i consulenti legali e medico-legali nei ricorsi presso i Tribunali del Lavoro di pertinenza e nella Corte di Appello di riferimento regionale.
  •   Orientamento nei percorsi terapeutici, scolastici e di inclusione sociale

“Il Ragionevole Dubbio” della giovane regista friulana Ambra Fedrigo ( classe 1977  nata a Cividale del Friuli) è un documentario in fase di lavorazione che si propone di illustrare i rischi delle vaccinazioni in supporto a quelle famiglie che, danneggiate, hanno dovuto subire la beffa oltre al danno esplicito dato dall’atto vaccinale: l’onta di non essere credute e quindi emarginate dalla società. Il documentario è parte integrante e importante di questo progetto COMILVA FVG per la fase informativa di prevenzione del danno e dell’esclusione sociale.  Un supporto scientifico internazionale illustra i danni di alcune componenti delle vaccinazioni su di un sistema immunitario neonato per istigare il dubbio, il famoso ragionevole dubbio, circa la connessione tra questo atto farmaceutico ripetuto ed invasivo e le patologie proprie di ogni individuo neonato. E’ destinato ad una comunità di genitori che ignorano ancora il potenziale dannoso delle vaccinazioni e che magari, purtroppo, hanno constatato i danni sui loro bambini, ma non hanno saputo ricondurre ad una causa effettiva, questo perché tacitata e ignorata. Dare loro le chiavi per una comprensione e una possibilità di indicazione di medici da consultare per affrontare il problema il prima possibile. E’ altresì dedicato a quei genitori di bambini ancora da nascere che possano con discernimento affrontare una tematica così delicata per il futuro del loro bambino.”

Se per uno Stato i numeri sono statistica, per i genitori “Uno è spesso tutto ciò che hanno”. Il Comilva FVG Onlus vuole tutelare quel “tutto” e la sua famiglia e intende farlo attraverso  una progettualità sempre più  efficace per non lasciarli soli : questo è il risultato che ci attendiamo ogni giorno.

Nessun commento a "PROGETTO COMILVA PER NON LASCIARLI SOLI - REPORT IL RAGIONEVOLE DUBBIO"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico