Iniziativa “Sognando Itaca” – AIL e un mare di solidarietà

Partita sabato 23 maggio da Trieste la barca a vela di Ail che arriverà a Palermo il 19 giugno.

“…Sognando Itaca” alla sua VII edizione è la principale iniziativa della Giornata nazionale Ail in programma il 21 giugno.
Il mare e le vele gonfiate dal vento sono immagine di libertà, viaggi, scoperte, vacanza… e dal 2007 anche di “terapia”.
Si parla di … Sognando Itaca” iniziativa legata alla Giornata nazionale per la lotta alle Leucemie, Linfomi e Mieloma. In occasione della giornata del 21 giugno, infatti, Ail (associazione italiana contro le leucemie, i linfomi e il mieloma) organizza uno speciale viaggio in barca a vela. Da Trieste a Palermo un equipaggio composto da skipper professionisti, pazienti in fase riabilitativa, medici, infermieri e psicologi navigheranno insieme per diffondere la vela terapia come metodo di riabilitazione psicologica e migliorativa della qualità della vita dei malati ematologici.

Quest’anno la barca a vela di Ail percorrerà l’Italia da Nord a Sud e da Est a Ovest, la partenza da Trieste  sabato 23 maggio e dopo dieci tappe attraccherà a Palermo il 19 giugno. In ogni porto toccato dall’imbarcazione si svolgerà un Itaca Day, giornata durante la quale i pazienti avranno la possibilità di imbarcarsi per vivere un’esperienza unica a bordo dello Sciomachen Vagabond 58.

Il viaggio lungo le coste italiane prevede come approdi dopo la partenza da Trieste: Venezia (27 maggio); Ancona (29 maggio); Giulianova (31 maggio); Trani (2 giugno); Reggio Calabria (7 giugno); Salerno (9 giugno); Isola d’Elba (13 giugno); Cagliari (17 giugno) e infine Palermo (19/20 giugno). Si potrà seguire la navigazione sulla pagina Facebook dell’iniziativa

“…Sognando Itaca”, un viaggio nel mare della solidarietà, è un’iniziativa che nelle sue intenzioni mira a evocare forti emozioni e suggestioni, soprattutto per l’equipaggio che insieme vive un’esperienza unica, lontano dai luoghi di cura e in un contesto in cui i ruoli si possono ribaltare. Chi conduce la barca è spesso il malato, mentre il medico o l’infermiere lo assistono nella manovre. Ma la meta per tutti è Itaca, non l’isola ma Itaca come metafora della vita, del viaggio da vivere insieme, perché come Ulisse, anche i pazienti si trovano ad affrontare un mare aperto, sconosciuto e pieno di insidie.  Durante il viaggio scoprono nuovi territori e nuove solidarietà, vicinanze e risorse. La barca a vela non è più solo sport, ma è un modo diverso di affrontare e superare gli ostacoli. Progetto Itaca è stato ideato da un giovane paziente amante della vela che purtroppo non ha vinto la sua battaglia. Il progetto nato dalla sezione Ail di Brescia sul lago arriva al mare nel 2009 e da questa data è diventato l’iniziativa centrale della Giornata nazionale per la lotta alle leucemie, linfomi e mieloma e quella in procinto di lasciare gli ormeggi è la settima edizione. Nella diffusione dell’iniziativa sono in prima fila le 81 sezioni di Ail, mentre 150 saranno le persone tra pazienti e accompagnatori coinvolti, 10 invece i marinai volontari che navigheranno alternandosi lungo il percorso e i 28 giorni di mare e solidarietà.

FONTE:VITA

Nessun commento a "Iniziativa "Sognando Itaca" - AIL e un mare di solidarietà"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico