Bullismo e Omofobia nelle Scuole – Progetti di Prevenzione in Regione

Durante il convegno organizzato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, sono stati resi noti a Udine i dati della ricerca scientifica sul bullismo omofobico nelle scuole condotta dall’Università di Trieste, in collaborazione con Regione, Ufficio Scolastico Regionale, Arcigay e Arcilesbica FVG. È stato il Prof. Andrea Carnaghi dell’Università degli Studi di Trieste ad illustrare i risultati della ricerca durante il convegno sul Bullismo Omofobico organizzato dalla Regione Friuli Venezia Giulia per la Giornata Internazionale contro l’Omofobia.
ARCIGAY:”Più del 43% degli studenti ha assistito ad atti di bullismo omofobico, oltre il 30% dichiara di aver subito aggressioni omofobe verbali o comportamentali, più del 10% dichiara di aver compiuto atti omofobi. I ragazzi più colpiti delle ragazze.” Il campione, 2.138 studenti delle scuole superiori del Friuli Venezia Giulia, è il più grande mai coinvolto in Italia su questo tema.
La ricerca è frutto di una convenzione firmata da Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Università di Trieste, Ufficio Scolastico Regionale e Arcigay/Arcilesbica della Regione e si inserisce in un progetto più ampio di interventi di contrasto e prevenzione al bullismo omofobico nelle scuole.
Il campione coinvolto nella ricerca, 2.138 studenti delle scuole superiori del Friuli Venezia Giulia, è il più grande mai coinvolto in Italia su questo tema e avrà rilevanza sul piano nazionale.
L’impatto di questi dati, che fotografano una realtà allarmante, non può lasciare indifferenti: 43.42% dei partecipanti dichiara di aver assistito ad atti di bullismo omofobico nei confronti di un ragazzo gay o ritenuto tale, mentre una percentuale più bassa, pari al 33.42% dei partecipanti, dichiara di avere assistito ad atti di bullismo omofobico nei confronti di una ragazza lesbica o ritenuta tale.Inoltre l’11% dei partecipanti dichiara di aver messo in atto comportamenti di bullismo omofobico nei confronti di un ragazzo gay o ritenuto tale, mentre il 4,17% dichiara di aver messo in atto comportamenti di bullismo omofobico nei confronti di una ragazza lesbica o ritenuta tale.
Le persone che riportano di essere state vittime di aggressioni omofobe di tipo verbale sono il 26.8% del campione, mentre il 3,5% dei partecipanti dichiarano di essere state vittime di aggressioni comportamentali.I ragazzi riportano di esser stati vittime di aggressione verbale di tipo omofobico più di quanto facciano le ragazze. Infine la percezione che i partecipanti hanno delle reazioni degli insegnanti a comportamenti di bullismo omofobico è cruciale nella riduzione della frequenza di tali comportamenti. In particolare, più i partecipanti percepiscono gli insegnanti come agenti che non ignorano gli atti di bullismo omofobico, meno frequenti risultano gli atti di bullismo.

Nessun commento a "Bullismo e Omofobia nelle Scuole - Progetti di Prevenzione in Regione"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico