Bilancio Sociale del Centro di Aiuto alla Vita

Si è svolta giovedì 24 settembre al Caffè San Marco la presentazione del Bilancio Sociale del Centro di Aiuto alla Vita per il triennio 2012-2014.

Nel corso dell’incontro, la Presidente Nicoletta Neri Zannerini ha illustrato l’attività che il Centro ha svolto a sostegno della maternità difficile e a difesa dei bambini che rischiano di essere rifiutati a causa di tanti problemi che in questo tormentato momento storico si sono moltiplicati, investendo sia il settore relazionale, sia quello economico e logistico. Si è parlato dell’efficacia degli interventi svolti in rete con le istituzioni e con le altre realtà che operano sul territorio, interventi che permettono di far fronte a situazioni complesse che richiedono competenze e disponibilità di vario tipo. Laura Mullich, vicepresidente del CAV, ha posto l’accento sull’importanza di perseverare nell’essere coerenti con le motivazioni che avevano portato alla creazione dei Centri di Aiuto alla Vita sul territorio nazionale nel lontano 1978 e che da allora continuano a costituire il centro di attenzione dei volontari che operano in questa realtà. Maria Tudech ha illustrato l’aspetto relativo alla gestione economica del CAV, mentre i volontari sono stati rappresentati nell’incontro da Flavia Brandolisio e Chiara Morello, le quali hanno illustrato i modi in cui il Centro si è mantenuto al passo con i tanti cambiamenti non solo nel tessuto sociale e nelle richieste degli utenti, ma anche nei modi di comunicare con le persone, non più tradizionali ma con una maggior presenza in internet e nei social network.

L’incontro si è chiuso in modo conviviale, con la condivisione di un momento di soddisfazione per gli obiettivi raggiunti e per l’entusiasmo che ancora contraddistingue questa realtà cittadina.

Nessun commento a "Bilancio Sociale del Centro di Aiuto alla Vita"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico