Formazione: Svantaggio psicofisico come fenomeno bioculturale

Si è avviato mercoledì 17 febbraio, a Pordenone, presso il CSV, un percorso di formazione e ricerca con delle volontarie del Servizio Civile Nazionale, impegnate attualmente in un progetto con l’associazione AITSAM di Pordenone.

Il percorso, a partire da una ricerca bibliografica e filmografica sul tema, si propone come un’occasione per esplorare la dimensione storica e sociale del concetto di disabilità.

Il progetto ha preso il via con una breve introduzione di alcuni concetti-guida della ricerca sociale sul problema della disabilità. Roberto Lionetti ha presentato in particolare il concetto di fenomeno bioculturale, l’opposizione norma/devianza, la distinzione linguistica e concettuale fra i termini inglesi che indicano le diverse dimensioni della malattia (disease/illness/sickness), la contrapposizione fra approccio emic ed etic, il continuum semantico menomazione-handicap-disabilità-invalidità, l’evoluzione storica del concetto di disabilità, il problema delle barriere (architettoniche, sociali, culturali) e dei diritti della persona con disabilità.

Alla fine dell’incontro, è stato proposto alle partecipanti un lavoro d’équipe, per elaborare una mappa circolare sistemica che illustrasse i diversi fattori socioculturali di rischio e di protezione legati alla disabilità (chi desidera prendere visione della mappa, può farlo cliccando qui sotto).

Alle volontarie dell’AITSAM verrà richiesto, nelle prossime settimane, di compilare delle schede di lettura (o visione, nel caso dei film) dei materiali raccolti, da condividere con il gruppo di lavoro. Gli spunti di riflessione così raccolti verranno poi discussi all’interno del gruppo. Sulla base di questa riflessione, il gruppo elaborerà insieme al tutor una griglia per la conduzione di alcuni focus group con operatori e volontari, allo scopo di valutare in che misura sia presente, in chi assiste le persone disabili, la consapevolezza del peso dei fattori socioculturali nel loro rapporto con l’handicap fisico e psichico.

I partecipanti saranno invitati infine a presentare i risultati di questo percorso di ricerca ai giovani in Servizio Civile, in un incontro che andrà ad arricchire la formazione generale offerta a questi ragazzi dal Centro Servizi Volontariato.

Nessun commento a "Formazione: Svantaggio psicofisico come fenomeno bioculturale"

    Invia una risposta

    Il tuo indirizzo e-mail non sarà visibile al pubblico